- La ParaTorino dei Para-eventi: ParatIIIssima 2007

HOME


ACTING OUT, mensile supplemento de “Il Mercoledì”, n. 14 - Novembre 2007

9-11 Novembre 2007

La ParaTorino dei Para-eventi: ParatIIIssima 2007

C'è Artissima.
La grande fiera internazionale, con il giovane direttore Andrea Bellini, storico dell'arte, critico e curatore indipendente, 131 gallerie, 17 Paesi, uno spazio espositivo di oltre 70 mila metri quadrati, 37.500 visitatori nella scorsa edizione.
Grandi nomi. Grandi spazi. Grandi numeri.
E poi c'è ParatIIIssima.
Evento para-llelo, organizzato da para-curatori (fotografi, architetti, creativi, project manager), para-artisti in un paraspazio come le ex Carceri Le Nuove di corso Vittorio.
Nomi "giovani". Spazi "non convenzionali". Numeri "importanti".
La Torino di Para è la Torino non istituzionale, la Torino dei giovani che aspirano ad essere indipendenti e a esprimere se stessi senza (forse) voler far parte del circuito prestabilito dalle convenzioni, dal mercato e dai canali convenzionali.
Para è un movimento culturale - si legge nel sito (www.parassito.it) - di para-artisti di varia origine e formazione, che vogliono vincere la paralisi progressiva che sta investendo il mondo dell'arte e della creatività in generale, costretta in spazi prestabiliti e definiti, spesso dettati e costruiti da altri.
Il gruppo Para dal 2005, anno della sua costituzione, cerca di combattere questa paralisi e questa "limitatezza mentale", così come si legge nel paramanifesto, organizzando eventi paralleli, in concomitanza con i Grandi Eventi istituzionali, dando credito, visibilità e spazio a tutti coloro che desiderano mettere in mostra le loro opere o anche solo partecipare all'evento, condividendone i propositi.
Per il terzo anno di seguito, in concomitanza con Artissima, il gruppo Para ha organizzato un paravento: ParatIIIssima 2007, una mostra collettiva per giovani artisti e creativi, che hanno la possibilità di comunicare la loro arte e di metterla in mostra. Non ci sono criteri selettivi nella scelta delle opere e dei partecipanti, non ci sono vincoli se non l'attinenza con il tema dell'esposizione che quest'anno festeggia la libertà di pensiero e d'espressione. Il luogo scelto è un luogo "non convenzionale" per definizione, le ex Carceri le Nuove, un luogo che ha rappresentato e tutt'ora rappresenta la negazione della libertà, della disciplina, dei divieti e delle norme a cui attenersi. Più di 150 artisti tra fotografi, scultori, pittori, stilisti e musicisti hanno la possibilità di interpretare la loro concezione della libertà di pensiero, interagendo loro stessi e facendo interagire le loro opere con lo spazio circostante, ricco di storia e suggestioni.
Nato come penitenziario ad isolamento totale nel 1870, i modelli gestionali e la struttura architettonica delle Nuove sono stati modellati su tale esigenza costrittiva e detentiva.
Dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, in seguito alla lotta per i diritti civili dei carcerati, il carcere viene parzialmente modificato nella struttura e "umanizzato", in particolare in seguito ai cambiamenti storico-politici della fine degli anni Sessanta e Settanta (in particolare le rivolte del 1969, 1974 e 1976, legate al periodo di tensioni politiche e forti contestazioni operaie e studentesche). All'inizio degli anni Ottanta il penitenziario verrà chiuso e nel 2005 sarà approvato un progetto di ristrutturazione e riqualificazione. Ad oggi con la loro presenza sul territorio le Ex Carceri "Le Nuove" rappresentano una parte delle nostra storia: hanno ospitato fascisti e partigiani, terroristi italiani e stranieri. Ma sono stati anche il luogo di lavoro per tanti Agenti, la cui testimonianza può raccontare storie di umanità e di degrado, di violenze e sofferenze.
Il programma di ParatIIIssima è davvero ricco; si tratta di un inno alla libertà lungo tre giorni: presentazioni di giovani artisti, performance artistiche e musicali, una sezione speciale dedicata al fashion, aperitivi e djset. Inoltre, novità di quest'anno, è il Paracarving Award: tra le opere in mostra ne verrà selezionata una che avrà la possibilità di essere realizzata da Lasernet, azienda leader specializzata nel taglio laser, che metterà a disposizione la propria tecnica innovativa.
Lasernet non è la sola partnership che partecipa all'evento organizzato dal gruppo Para; tra le altre collaborazioni eccellenti, che condividono il pensiero dei nostri para-curatori, si segnalano: Ebay, sul cui sito sarà possibile acquistare le opere in mostra e fare così una donazione all'Associazione ONLUS "Nessun uomo è un'isola", realtà che gestisce il Museo delle Ex Carceri Le Nuove; ZeroUno elettrogruppo, che per il secondo anno consecutivo illumina l'evento e che presenterà la nuova linea di illuminazione in collaborazione con Lucifero; Bombay Sapphire che nell'ambito dell'Inspirational Design Happening presenterà il designer Xavier Lust sonorizzando l'area aperitivo; Nissan che ha collaborato con alcuni parartisti per presentare due autovetture in chiave artistica e scenografica e, infine, le preziose collaborazioni con le associazioni Ylda, Izmo e ToMovie, con la piattaforma per giovani stilisti Q3 style e Name's.
Infine ricordiamo che ParatIIIssima al pari di Artissima, del Torino Film Festival, dell'UTE Festival e di altri eventi istituzionali è stata inserita nel programma Contemporary Arts Torino - Piemonte, fortemente voluto e appoggiato dalle istituzioni. Il gruppo Para e la sua affermazione a livello territoriale sembra essere un messaggio di speranza per tutti coloro che vogliono e credono in una realtà altra rispetto a quelle prestabilita, una realtà non conforme alle regole date e libera da vincoli scelti a priori. Allo stesso tempo Para e la sua stessa esistenza ci pongono di fronte a dubbi e incertezze: fino a quando è possibile rimanere una realtà indipendente?
E oggi cosa significa definirsi "indipendenti"? Una realtà indipendente o che comunque si definisce tale, non dovrebbe avere obiettivi altri rispetto l'essere annoverata tra gli eventi stessi contro cui si pone?
9-10-11 Novembre 2007 - Ore 18-24, ingresso gratuito Ex Carceri Le Nuove, Via Borsellino, 1 Torino.
Per info: www.parassito.it

Veronica Lisino


PAGINA PRECEDENTE

| HOME | CRITICA | RICONOSCIMENTI | ESPOSIZIONI | GALLERIA OPERE |

| SPECIALI | INTERVISTE | PUBBLICAZIONI | VIDEO | CONTATTI |

| L'ANGOLO DEL WEBMASTER | SCRIVI PER L'ANGOLO |

| A VELE SPIEGATE |

| SFONDI GRATIS PER DESKTOP | SITI CONSIGLIATI |

Firma e/o Leggi il nostro GUESTBOOK!

entra nel nostro FORUM