- PORTO SANT'ELPIDIO

HOME



PORTO SANT'ELPIDIO (ASCOLI PICENO)



di fronte ai binari della stazione ferroviaria di Porto Sant'Elpidio


Più di cinquecento chilometri in treno per giungere da Torino a Porto Sant'Elpidio, graziosa cittadina situata in provincia di Ascoli Piceno (da cui dista però ben 70 km) nella riviera marchigiana dopo Porto Recanati e Civitanova Marche ma prima del Lido di Fermo e di Porto San Giorgio.
Un lungo viaggio, insomma, che ci ha però permesso di prepararci adeguatamente con le informazioni da noi attinte attraverso atlanti e fonti Internet su ciò che avremmo potuto trovare una volta approdati alla meta. Arrivati ad Ancona, città capoluogo delle Marche, non prima di aver attraversato Piemonte, Emilia, Romagna e una parte della costa marchigiana (tra gli altri ricordiamo Pesaro, Fano, Senigallia, Marina di Montemarciano, Falconara Marittima), siamo quindi transitati da Osimo, Loreto, Porto Recanati, Porto Potenza Picena, Civitanova Marche e finalmente Porto Sant'Elpidio. Qui, scesi dal treno, ci siamo ritrovati su Piazza della Repubblica appena fuori dalla stazione ferroviaria dove ci siamo dovuti scontrare con la poco esaltante realtà di dover raggiungere l'albergo a piedi. Al momento del nostro arrivo non vi erano infatti mezzi pubblici disponibili nè tantomeno un servizio taxi. Vabbè, pazienza, gambe in spalla e via a piedi su Via Umberto I, la sempre trafficata statale adriatica, con valigia al seguito. Un quarto d'ora circa di cammino ed eccoci all'albergo situato tra la statale e Via Belvedere sede di Villa Baruchello.
Comincia così la nostra avventura a Porto Sant'Elpidio, località divenuta Comune soltanto nel 1952 (prima di tale data faceva parte del Comune di Sant'Elpidio a Mare, un comune montano in provincia di Ascoli Piceno ad appena 9 km da Porto Sant'Elpidio).
Già nel percorso che dalla stazione ci porta all'albergo abbiamo modo di incrociare sulla nostra strada la Torre dell'Orologio, il monumento simbolo di Porto Sant'Elpidio. Di fronte alla Torre dell'Orologio sorge Piazza Garibaldi, la piazza principale da dove si snodano vie e viuzze caratterizzate da case multicolore in stile marinaro di due, tre, massimo quattro piani. Proseguendo per la statale adriatica si intravede Villa Murri, importante villa comunale immersa nel verde di sovente sede di esposizioni artistiche. Notevole importanza riveste poi Villa Baruchello situata in Via Belvedere, anche questa villa comunale, facilmente raggiungibile dalla statale.
La Torre dell'Orologio, Villa Murri e Villa Baruchello costituiscono sicuramente un grande patrimonio per questa città che dista 53 km da Ancona. Ma non va dimenticato che Porto Sant'Elpidio è anche una delle località più famose a livello mondiale per quanto riguarda l'industria calzaturiera.
In pieno sviluppo il settore turistico, dal momento che Porto Sant'Elpidio si sta imponendo come una città balneare ambita dal popolo di vacanzieri che ogni estate si riversa sulle spiagge della riviera marchigiana. A Porto Sant'Elpidio non è difficile raggiungere il Lungomare Trieste percorrendo la statale adriatica in direzione del centro città per poi girare a sinistra (questo ovviamente valeva per noi che provenivamo dall'albergo all'angolo di Via Belvedere) verso il sottopasso di Via Panama che conduce al mare. Superato il sottopasso si nota subito il panorama di Lungomare Trieste, un lungomare costituito da pista ciclabile, passeggiata pedonale, giardini ben curati e tante, tante palme. Un panorama godibilissimo, unica pecca forse il fatto di avere il treno a pochi metri di distanza dal Lungomare Trieste, proprio sopra il sottopasso di Via Panama. Ma niente paura, questo ben poco toglie al piacere di passeggiare sul Lungomare Trieste, tra il verde delle palme, con la sensazione effettiva di essere a due passi dalla spiaggia e dal mare di Porto Sant'Elpidio. Una spiaggia diversa dal solito quella che abbiamo trovato a Porto Sant'Elpidio, una spiaggia argillosa, color terra, ricca di ghiaia e sassolini. E il mare, un mare che varia di continuo nei suoi colori, ora dopo ora. Color piombo vicino alla riva, azzurro-verdolino più al largo, blu scuro verso l'orizzonte. Un insieme di colori così intensi, quelli del mare e della spiaggia, che hanno reso ancora più poetico il momento del tramonto cui abbiamo assistito direttamente dalla spiaggia di Porto Sant'Elpidio. Il calare del sole su di un cielo color giallo-arancio, un mare tricolore e una spiaggia color terra in perfetta sintonia cromatica col tramonto. Un bel dipinto offertoci dalla natura, a corollario di momenti apparentemente scontati ma in realtà altamente significativi nell'articolato percorso esistenziale di un uomo.



vista sulla stazione ferroviaria di Porto Sant'Elpidio in Piazza della Repubblica



la Torre dell'Orologio, il simbolo della città di Porto Sant'Elpidio



veduta della trafficata Via Umberto I, la statale adriatica


pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

PAGINA SEGUENTE

PAGINA PRECEDENTE

| HOME | CRITICA | RICONOSCIMENTI | ESPOSIZIONI | GALLERIA OPERE |

| SPECIALI | INTERVISTE | PUBBLICAZIONI | VIDEO | CONTATTI |

| L'ANGOLO DEL WEBMASTER | SCRIVI PER L'ANGOLO |

| A VELE SPIEGATE |

| SFONDI GRATIS PER DESKTOP | SITI CONSIGLIATI |

Firma e/o Leggi il nostro GUESTBOOK!

entra nel nostro FORUM